Offerte Estate 2017 Campania, le migliori proposte al mare

Week end Ponte di Giugno in Campania

Ponte 2 Giugno in Campania, il fine settimana per staccare dalla routine quotidiana



Moltissimi gli eventi in Giugno da segnalare in Campania:

Napoli
Fiera del bambino

A Napoli dal 2 al 4 Giugno 2007, presso la Mostra d'Oltremare è aperta la terza edizione della fiera che nasce sull’incredibile successo decretato dagli oltre 35.000 visitatori delle prime due edizioni. La Fiera del Bambino è una grande esposizione di tutto per il mondo premaman, dell’infanzia e del bambino da zero a 12 anni.

Arredamento, abbigliamento, giochi e giocattoli, ludoteche, parchi di divertimento, abiti da cerimonia, agenzie di animazione, case farmaceutiche, puericultura, associazioni, prodotti alimentari e biologici, asili nido e scuole, e ancora passeggini, camerette, box, sanitari, carrozzine, seggioloni, borse ed accessori...insomma davvero tutto, per le mamme, per i bambini, per la famiglia.

Tre giorni di esposizione, spettacoli, concorsi, affari e divertimento. Un punto di riferimento ed una speciale occasione per presentare e conoscere le ultime novità del mercato per un importante scambio reciproco. Una piccola città degli affari con oltre 100 aziende espositrici, italiane ed estere, e quanto di meglio possa offrire il mercato.


Festa patronale di San Cono

Questo monaco benedettino, vissuto tra l'XI e il XII secolo, è il patrono di Teggiano, luogo in cui sono conservate anche le sue reliquie. San Cono era nativo di Teggiano. Proveniva dall'agiata famiglia Indelli. Ebbe una fanciullezza felice, ma al sopravvenire dell'adolescenza, decise comunque di abbandonare il tetto paterno per seguire la vocazione monastica, con gran dispiacere dei genitori. Racconta la leggenda che egli, scappato al Cenobio di Santa Maria di Cadossa, per poter seguire la via che aveva scelto, si era nascosto in un forno acceso, al fine di sfuggire i genitori che erano venuti a cercarlo. Il prodigio e la determinazione del figlio convinsero la coppia a concedergli di continuare la carriera monastica. Cono morì in giovane età e le sue spoglie furono riportate a Teggiano, dove è grandemente venerato, nel 1261.
Egli viene festeggiato il 3 giugno. In quell'occasione si tiene una Processione, a cui partecipano tutte le autorità locali. Il corteo sfila per il borgo, accompagnato dal caratteristico suono della fanfara. Questo suono fa un po' da colonna sonora all'intera manifestazione, in quanto anche successivamente, si tengono concerti di formazioni bandistiche.
A chiusura della giornata, uno spettacolo pirotecnico illumina suggestivamente i cieli del paese.

Torre Del Greco
Festa dei quattro altari

Questa festa, che si svolge ogni anno nel centro storico di Torre del Greco, otto giorni dopo il Corpus Domini, è una festa molto originale che, sebbene abbia perso parte della sua memoria originaria, si è trasformata nella celebrazione del talento artistico e artigianale dei cittadini torresi. Secondo antiche testimonianze, la festa affonda le sue radici nell'istituzione della solennità del Corpus Domini, voluta da Urbano IV nel 1264 e celebrata nella città di Torre del Greco attraverso due processioni, una durante il giorno canonico e l'altra otto giorni dopo. Quest'ultima processione, col tempo, è diventata sempre più indipendente dalla prima, diventando una festa autonoma. Altre testimonianze riportano invece che una Festa dei quattro altari si celebrava a Napoli e nelle zone circostanti già dal XVII secolo. Durante la giornata della festività, in punti diversi del centro storico del paese, vengono disposti quattro altari, che consistono in scenografie dipinte su tela, mentre i pavimenti di alcune Chiese vengono decorati con i caratteristici Tappeti. I Tappeti sono delle vere e proprie opere d'arte, realizzate utilizzando segatura mescolata a colori in polvere e rappresentanti scene sacre. Gli altari sono ogni anno diversi e competono in altezza e bellezza.