Visitare la Napoli underground

Sono Itinerari napoletani, sotto i vicoli l'arte in metropolitana

Fotografie, sculture, tele, sono servite a trasformare le stazioni metropolitane di Materdei, Salvator Rosa, Quattro giornate, Museo, Dante e Rione Ato in una vera ed insolita galéria d'arte.
La fermata Dante é stata ricoperta da cristalli e rifinite in acciaio, calzature e modellini di locomotive sono come incastrati sotto brandelli di binari. Una statua di Dante attende i visitatori all'esterno della stazione, testimone muto del loro ingresso nella città, preparando lo sguardo sorpreso del visitatore a quel inconsueto spettacolo che l'intera città offre.
Alla stazione di Materdei ci aspetta un atrio luccicante di mosaici e bassorilievi sopra le scale mobili, mentre il corridorio centrale é interamente rivesto di silhouettte policrome mentre varie serigrafie ornano le banchine.
Una riproduzione della "Testa Carafo" troneggia all'interno della stazione Museo Quattro giorni, in cui si é scelto di fare rivivere la storia dei giorni che resero Napoli libera, sotto forma di bassorilievi e tele con donne combattenti.
La stazione Rione AltoUna espone una mostra permanente di numerose opere di artisti nazionali e internazionali e di giovani napoletani.
Infine dei vivaci mosaici occupano lo spazio della stazione Salvator Rosa a la decorazione dei palazzi a l'esterno si contrappongono ai resti di un antico ponte romano restaurato.

Offerte Estate 2017 Campania, le migliori proposte al mare